Salutu caru

Ieri eru pusatu in u parcu, lighjendu un libru è lanciendu bastoni per u mo cane. Hè una bella ghjurnata. Mi piace u restu per mè è l'ultimi raggi di sole di a ghjurnata.

Di colpu una donna si posa accantu à mè è mi dumanda: "Chì fate avà?" Eru irritatu è aghju fighjatu a donna stupita. L'aghju cunnisciuta da qualchì parte? Innò! Pantaloni in velluto beige cun tracce chjare di cerchi separati. Sospettava chì eranu tazze di caffè. Unghie verniciate turchese sottu à chì a terra spurgava, i capelli sbulicati ma micca grassi. Hà avutu ancu un cane cun ella. S’assumigliava un pocu à ella è tramindui parianu altrettantu tristi. Aghju avutu pietà.

Hà cuminciatu à cuntà quantu era male tuttu, quantu eranu i zitelli in casa soia chì li tiravanu petre. Dopu u so sguardu cascò annantu à l'uspidale: A Charité in Berlinu / Mitte. Hà cuminciatu à rimpruverà: "L'edificiu duveria esse abbattutu per via di tutti i germi è i batteri!" Dopu tuttu, averia da sapè, perchè hè un assistente medico-tecnicu. S'hè arrabiata veramente è hà continuatu cù u so monologu. Stava zittu. Ùn importava micca se aghju dettu qualcosa o micca. Ella vulia solu sbarrazzassi di u so ballast è stava perdendu u mo preziosu tempu, ancu se in realtà vulia solu gode di l'ultimu calore di a ghjurnata in pace. In verità vulia esse solu, ma di qualchì manera ùn avia micca u core. In un certu modu una cortesia interiore mi hà furzatu. In questu casu ùn puderia micca "Innò" dì.

Sapete qualcosa cusì? Vogliu dì chì ci hè 1.000 situazione di questu in a vita. U patrone dumanda se travagliate più longu ancu se avete piani. Un venditore vi trasforma in pantaloni cumpletamente inutili chì ùn avete mancu bisognu. Un amicu vi cunvince di parte ancu se ùn vulete micca. Un amicu richiede di aiutavvi cù u muvimentu, ancu se ella hà ricusatu pocu fà d'aiutavvi à trasportà a robba in l'appartamentu.

Chì accade in noi? Ci hè sta piccula voce interna chì dice: "Ùn vogliu micca!", Ma in voi site congelatu. Vulete armunia, per piacè à tutti è in qualchì modu sia "Tutti cari". Prima si deve dumandà da induve vene questu? A maiò parte di u tempu, sti cumpurtamenti eranu in u nostru ziteddu goffratu. A bravu zitellu hè un zitellu chì face ciò chì dicenu i genitori. Un bravu zitellu ùn rotula micca urlendu nantu à u pavimentu davanti à a cassa di u supermercatu perchè ùn pò avè alcun dolci.

Beh, forse duveremu circà di unisce a mediocrità di i dui zitelli in noi, tramindui i nostri bisogni oltre à fà un favore à qualcunu ogni tantu - senza esse prufittatu.

Cumu fate? Prima, seremu megliu à amparà à ascultà a nostra piccula voce interiore è bisogni. Una di e mo dumande preferite, chì aghju dighjà menzionatu in l'articuli precedenti, hè a dumanda: "Chì pò accadere in u peghju casu?" Chì di solitu aiuta à fà una nova luce nantu à e situazioni. À a fine, ùn parenu più cusì minacciosi.

Se ùn riesci micca à dì innò subitu, pudete avè prima a risposta Pospone a preoccupazione. "Ci pensu". "Devu chjarificà prima." Ùn hè nè un sì chjaru nè un no è avete veramente u tempu di pensà à ciò chì vulete veramente.

Cumu si sente per quessa? Chì tippu di situazioni avete sperimentatu in chì ùn puderete micca decide?

Vi auguru una bella settimana!

Tantu tempu!

 U vostru Lucy

Source: http://gregmcgregor.tumblr.com/page/2